loading

  • Online: i tour virtuali della collezione Opel Classic
  • Si parte con quattro tour a tema: “Motorizzazioni alternative”, “Rally”, “I ruggenti anni Venti” e “Mobilità per milioni”

 

Rüsselsheim.  Adesso Opel Classic offre dei tour virtuali della grande collezione che copre più di 120 anni di produzione automobilistica e 159 anni di storia del marchio. All’inizio sul sito opel.com/opelclassic/ si troveranno i tour a tema “Motorizzazioni alternative”, “Rally”, “I ruggenti anni Venti” e “Mobilità per milioni”. La Casa automobilistica tedesca permette così di compiere un viaggio virtuale attraverso le tappe principali della sua storia. In questo modo, i visitatori possono visitare l’esposizione ospitata nell’ex stazione di carico K6 della fabbrica di Rüsselsheim a qualsiasi ora e in ogni giorno dell’anno.

Nel corso di questi tour a 360 gradi, i visitatori entrano virtualmente nelle “sacre stanze” della collezione Opel Classic. Qui il marchio del Blitz ospita un vero e proprio tesoro, con più di 600 auto e studi d’epoca e 300 altri oggetti, dalle macchine da cucire Opel a un motore aeronautico. Punti informativi gialli si illuminano sui veicoli che appartengono al tour selezionato. I visitatori interessati possono così zoomare sull’oggetto in questione, che si tratti di una bicicletta, motocicletta, automobile o concept car. Cliccando sull’info point si può accedere a ulteriori informazioni: alcune schede descrivono il significato storico dell’oggetto e ne spiegano i principali dati tecnici.

“Questi tour virtuali permetteranno di vivere la ricchissima storia di Opel comodamente dalla propria abitazione”, ha dichiarato Stephen Norman, Senior Vice President Sales, Aftersales and Marketing. “Si tratta di un’esperienza che non è rivolta solo agli appassionati di automobili come me, ma a chiunque è interessato alla storia di un marchio. Le persone hanno dei ricordi vividi della propria Opel di famiglia. Andare in vacanza. Visitare i parenti. Noi siamo un marchio tedesco orgogliosamente ‘menschlich’ (umano) e accessibile – a differenza di altri, per noi il cliente viene prima di tutto. La Collezione Virtuale è l’ennesima dimostrazione di questo assunto”.

https://itopelcmsimages.carusseldwt.com/getImage/HtmlEditorImages/country_1352818274689/04-opel-512618.jpg“Un team dei reparti Marketing e Comunicazione ha avuto l’idea di creare una versione digitale di Opel Classic, proprio durante la crisi del Covid”, aggiunge Harald Hamprecht, Vice President of Communications. “Volevamo mantenere la nostra visibilità e garantire l’accessibilità ai nostri appassionati e ai nostri clienti. Il team ha lavorato a pieno ritmo, creando la Collezione Virtuale in un tempo record. Complimenti a tutti e un augurio ai nostri visitatori online: godetevi il tour!”

Il tour a tema “Motorizzazioni alternative” riguarda alcune insolite concept car – come la RAK 2 del 1928, che ha battuto ogni record con la propulsione posteriore a razzo – o i primi prototipi elettrici come la Opel Impuls I del 1990 e i veicoli a idrogeno testati con grande successo – la maggior parte su base Zafira –, le Opel HydroGen dalla 1 alla 4.

Il titolo “Rally” ci permette di visualizzare virtualmente le leggendarie auto rally presenti nella collezione Opel Classic. Vetture storiche sono le auto di Walter Röhrl – Campione Europeo nel 1974 sulla Opel Ascona e Campione del Mondo nel 1982 sulla Opel Ascona 400 – e quella di Jochi Kleint, Campione Europeo del 1979 anche lui sulla Opel Ascona. Inoltre è esposta l’unica Opel Kadett 4x4 – progettata per il Mondiale Rally e utilizzata nel rally Parigi-Dakar. A rappresentare l’epoca attuale vi sono la Opel ADAM R2 – quattro volte Campione Europea Junior dal 2015 al 2018 – e la nuovissima Opel Corsa-e Rally, la prima auto rally elettrica del mondo!

Il terzo tour a tema ci porta nei “Ruggenti anni venti”, un periodo caratterizzato da estrema inventività, volta alla conquista di record mondiali. Biciclette da corsa, ma anche motociclette e aeroplani con propulsione a razzo. La catena di montaggio rappresentò un modo nuovo ed efficiente di produzione dei veicoli, che fece crollare i prezzi di mercato, a favore dei clienti, e rese accessibili ad ampi strati della popolazione automobili come la Opel "Laubfrosch".

La storia continua con il Tour n. 4: “Mobilità per milioni”. Dopo la “Doktorwagen” e la “Laubfrosch” Opel, i modelli compatti prodotti a Rüsselsheim hanno permesso a milioni di persone di muoversi in libertà. La prima Opel Kadett fu lanciata 85 anni fa, seguita da ben dieci generazioni di Kadett e Astra. Alla fine dell’anno Opel presenterà la nuova Opel Astra, per la prima volta proposta anche in versione elettrica.

 

Torna all'inizio